Pareggio interno per il Città di Sant’Agata contro un avversario ostico contro il San Luca: “Sapevamo che sarebbe stata una partita dura. Sono la sorpresa del campionato, stanno facendo benissimo e hanno gente in avanti che può mettere sempre in difficoltà, ma abbiamo rischiato solo una volta nel primo tempo. La squadra ha giocato bene e con un po' di fortuna avremmo potuto vincere. Comunque questa partita mi ha dato certezze, perché dopo tre settimane di stop la ripresa è un’incognita, loro hanno giocato, temevo questa gara e vincendo potevamo recuperare qualcosa. Non ci pensiamo, siamo a quota 29, -11 dalla quota 40, ma la squadra è viva, complimenti ai ragazzi, anche a chi è subentrato perché ha grande importanza giocando con questo caldo”, ha dichiarato mister Mimmo Giampà, analizzando la sfida del “Fresina”.

Soddisfatto dalla prestazione dei biancoazzurri che hanno raccolto un punto che è un piccolo passo verso la salvezza. Adesso, però, si deve guardare avanti: “Vedremo se giocheremo domenica con il Dattilo (oggi fermi per Covid), oppure mercoledì con il Troina e dobbiamo lavorare con intensità. La concentrazione e voglia di vincere di oggi devono esserci ancora di più, perché la testa è giusta, la squadra è viva e non dobbiamo abbassare la guardia”.

Dopo il Troina, il Città di Sant’Agata sarà impegnato contro il Santa Maria Cilento e poi ancora in casa con il Rende, per una salvezza che passa soprattutto dal “Fresina”: “Ci sono due scontri diretti che dobbiamo cercare di vincere. Si devono fare punti e se si gioca così ci riusciremo”, ha aggiunto Giampà, che ha spiegato così uno 0-0 con diverse occasioni sbagliate: “Ci è mancata un po' di brillantezza e un po' di fortuna, ma oggi contro un altro portiere avremmo vinto. Scuffia come Ferrara sono portieri che portano punti, sono i due portieri over più forti della categoria”.

Sezione: Serie D / Data: Dom 09 maggio 2021 alle 21:44
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print