Tutto confermato nell’Acr Messina che scende in campo per la prima giornata del girone di ritorno contro la Cittanovese. Novelli schiera Caruso (’99) tra i pali, Cascione (2000), Lomasto, Sabatino e Giofrè (2001) in difesa, Cristiani, Aliperta e Cretella (2002) in mezzo al campo, mentre davanti agisce l’ormai consolidato tridente over composto da Bollino, Foggia e Arcidiacono. Nella Cittanovese ci sono gli ex Barilaro e Crucitti, oltre a Corso, aggregato al gruppo di Zeman proprio un anno fa e poi non tesserato dalla società biancoscudata su indicazione del mister.

La cronaca
Primo tempo
: Si parte dopo un minuto di raccoglimento dedicato alla scomparsa di Mauro Bellugi. Inizio aggressivo dell'Acr Messina che pressa alto la Cittanovese e ne condiziona la ripartenza dal basso, come al 4' quando Arcidiacono non approfitta dell'errore in disimpegno di Zinfollino e la Cittanovese si salva. Poco più di un minuto dopo, Sabatino si inserisce con i tempi giusti sulla punizione di Aliperta e chiama Latella alla prima parata della partita. Partita viva e al 7' i padroni di casa sono fermati dall'ormai consueto palo interno di questa stagione: azione di forza di Bollino che vince un rimpallo e la sfera schizza dalle parti di Cristiani che controlla al limite, incrocia il destro, ma è fermato dal legno. Sulla ripartenza, la Cittanovese è pericolosissima: Crucitti pesca Dorato che forse controlla con il braccio, ma è chiuso dalla tempestiva uscita di Caruso. Dopo i ritmi alti vissuti in avvio, la gara vive adesso una fase di stanca, con la Cittanovese che sembra aver preso le misure all'Acr Messina. Ci provano con pazienza i biancoscudati e al 31', dopo un'insistita manovra di squadra, Cretella lavora bene il pallone a sinistra e pennella sul secondo palo per Bollino che incrocia il destro, ma senza trovare lo specchio della porta. Dieci minuti dopo, sugli sviluppi del primo corner della propria gara, la Cittanovese si fa vedere con Alfano che riceve da Cosenza, ma gira alto sulla traversa. Il primo tempo si chiude dopo due minuti di recupero: dopo un inizio scoppiettante, la gara è scesa di tono, complice la tattica difensiva della Cittanovese e un Acr Messina che non è riuscita a scardinare il muro calabrese.

Secondo tempo: Si riparte senza sostituzioni, ma con la partita che pare non riesca a cambiare copione. Al 51' Bollino prova a sparigliare le carte con un'iniziativa personale: l'ex Cavese rientra sul mancino da destra e calcia con potenza, ma centrale e Latella blocca senza problemi. Sei minuti dopo, su punizione, Aliperta disegna una traiettoria perfetta, ma Latella lo aspetta e mette in corner una parabola che sembrava destinata sotto l'incrocio. Ci prova l'Acr Messina, ma fatica a costruire gioco in mezzo alle strette linee della Cittanovese: al 62' Bollino tenta uno spettacolare tiro al volo da dentro l'area, ma palla abbondantemente alta. Azione che fa da preludio al primo cambio di Novelli, che manda in campo Addessi per Arcidiacono. Bollino è l'uomo più pericoloso dell'Acr Messina, al 71' riceve da Aliperta e gira col mancino, ma in bocca a Latella. La Cittanovese si affaccia in avanti per la prima volta in questa ripresa al 75' con una punizione di Crucitti alzata in corner dalla barriera e con un debole colpo di testa sul fondo si Solinas. Tre minuti dopo Lavrendi prende il posto di Bollino, mentre all'82' Vacca sostituisce Cristiani. Dopo ottanta minuti di difesa a oltranza, la Cittanovese trova più continuità offensiva e all'85', dopo un contatto in area con Sabatino, Solinas riesce a girare verso Crucitti che controlla e incrocia il mancino, ma allargando troppo la conclusione. Palla sul fondo e Novelli negli ultimi tre minuti si affida al doppio centravanti, mandando in campo Manfrellotti per Aliperta. All'88' un rimpallo fortunoso favorisce Addessi in area, mancino strozzato parato a terra da Latella. Nel finale ammonito Sabatino che, diffidato, non giocherà a Biancavilla. Le ultime preghieri dell'Acr Messina si spengono al 95' su un calcio di punizione di Addessi, bloccato dal portiere calabrese. Altra occasione sprecata dai biancoscudati, fermati da una Cittanovese venuta allo Scoglio con l'unico obiettivo di strappare lo 0-0. Missione compiuta per i calabresi, mentre l'Acr Messina vede assottigliarsi il margine sul secondo posto.

Acr Messina-Cittanovese 0-0

Acr Messina: Caruso; Cascione, Lomasto, Sabatino, Giofrè; Cristiani (38' st Vacca), Aliperta (43' st Manfrellotti), Cretella; Bollino (33' st Lavrendi), Foggia, Arcidiacono (18' st Addessi). Allenatore: Raffaele Novelli. A disposizione: Lai, Mazzone, Boskovic, Izzo, Crisci.

Cittanovese: Latella; Zinfollino, Corso, Alfano; Barilaro, Cosenza, Lo Nigro, Crucitti, Losasso (24' st Felici); Viola (15' st Solinas); Dorato (24' st Petrucci). Allenatore: Graziano Nocera. A disposizione: La Cagnina, Scuderi, Rizzo, Meola, Fuschi, Ndreu.

Arbitro: Andrea Valentini di La Spezia
Assistenti: Roberto Lobene di San Benedetto del Tronto e Dimitri Giorgio Ghio di Novi Ligure

Ammoniti: Zinfollino (C), Sabatino (M), Vacca (M), Lo Nigro (C)

Corner: 3-5
Recupero: 2' e 5'

Sezione: Acr Messina / Data: Dom 21 febbraio 2021 alle 14:33
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print