A un passo dall’impresa. La Top Spin Messina vede scappare via lo Scudetto del tennis tavolo nonostante il pareggio per 3-3 nella finale tricolore in casa dell’Apuania Carrara: risultato che premia la squadra toscana, alla quale bastava un pari per centrare l’obiettivo in virtù del miglior piazzamento in regular season. Fatale ai ragazzi guidati da Wang Hong Liang, data la particolare formula, il -15 nella differenza punti dello scontro diretto (finito anch’esso 3-3) del girone di sola andata della stagione regolare, concluso dalle due squadre appaiate in vetta alla classifica. Un cammino da imbattuti, che certifica la grandezza del percorso della Top Spin Messina, ancora protagonista ai massimi livelli, ma che lascia la Toscana con un grande carico di rimpianti.

La finale ha regalato spettacolo, i carrarini si sono portati subito sul 2-0 con le vittorie di Shibaev e Mutti su Monteiro e Rech Daldosso ed è soprattutto il ko al quinto set del numero uno italiano a lasciare il più grande carico di amarezza alla Top Spin. Carrara vede lo Scudetto a un passo, la Top Spin è con le spalle al muro, ma Andrea Landrieu accorcia le distanze superando 3-1 Bobocica e Monteiro agguanta il 2-2 battendo Leonardo Mutti con un netto 3-0. Nel quinto e decisivo singolare, però, la vittoria di Shibaev su Landrieu per 3-1 fa calare il sipario sulla sfida, regalando il punto dello scudetto all’Apuania Carrara. Nella sesta e conclusiva sfida, il successo per 3-0 di Rech Daldosso su Bobocica rappresenta il punto dell’orgoglio per la Top Spin Messina, ma lascia anche un grande carico di rimpianti al gruppo peloritano, che si vede soffiare il tricolore dai carrarini nonostante una stagione chiusa senza sconfitte tra campionato e playoff.

L’occasione del pronto riscatto per i ragazzi di Wang Hong Liang è rappresentata adesso dagli ultimi impegni della stagione con la Final Six di Coppa Italia, in programma a Terni il 16 e 17 giugno.

Sezione: Altri Sport / Data: Gio 03 giugno 2021 alle 09:06
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print