Città di S.Agata, Tiscione: "Stiamo facendo bene, ma avanti con fiducia"

L'attaccante ha aperto il poker contro l'Acicatena: a segno anche Concialdi, su rigore, Iraci e Longo. Domenica trasferta sul campo del Gela
03.02.2020 10:24 di MNP Redazione Twitter:    Vedi letture
Fonte: Gino Pappalardo - A.C.D. Città di Sant’Agata
Città di S.Agata, Tiscione: "Stiamo facendo bene, ma avanti con fiducia"

Settimo risultato utile in campionato per un Città di Sant’Agata formato schiacciasassi, che si sbarazza, senza troppi fronzoli, di un impalpabile Acicatena e continua a mantenere sei lunghezze di distacco dalla capolista Paternò, vittoriosa per 2-0, tra le mura amiche, sul quotato Palazzolo.

Al “Biagio Fresina”, finisce 4-0 per i ragazzi di mister Pasquale Ferrara, protagonisti di una partenza arrembante che li conduce in vantaggio già al 3’: Iraci (insignito della fascia di capitano del “bomber” Cicirello, assente per infortunio), galoppa sulla corsia di sinistra ed innesca Tiscione, lesto a trafiggere Caruso con un delizioso pallonetto. Il raddoppio arriva a ridosso dell’intervallo, sugli sviluppi di un calcio di rigore trasformato di precisione da Concialdi e concesso, dall’arbitro palermitano Li Vigni, per un fallo in area ospite commesso da Di Bella, ai danni di Iraci. Nella ripresa, i biancoazzurri prendono il largo: al 64’, Arena colpisce un palo (era già accaduto nel primo tempo), ma, sulla ribattuta, irrompe l’onnipresente Iraci, che non si lascia pregare. Dieci minuti dopo, Longo (subentrato a Costa), si avvita di testa su un cross di Tiscione, e cala il definitivo poker.

L’attaccante Filippo Tiscione, autore del gol che ha spezzato gli equilibri in avvio, ha analizzato la prestazione dei suoi compagni: "Dovevamo vincere a tutti i costi, senza badare troppo all’estetica. Stiamo facendo bene, ma guardiamo sempre avanti con grande fiducia e rinnovata consapevolezza nelle nostre potenzialità. Da qui alla fine, ci attende un calendario insidioso e già domenica andremo a far visita a un Gela invischiato nella lotta per non retrocedere e che, di sicuro, ci darà parecchio filo da torcere".