L'improvviso, inatteso, ennesimo stop, con il rinvio a data da destinarsi di cinque gare della 33^ giornata, in programma oggi, ha scatenato le reazioni delle società. Diretto interessato anche il Città di Sant'Agata, impegnato nella lotta salvezza, e quindi proprio in corsa con il Marina di Ragusa, e che avrebbe dovuto giocare a Licata.

“Un fulmine a ciel sereno che non ci aspettavamo assolutamente. Per qualche attimo ho pensato di essere su scherzi a parte. A parte la battuta, è incredibile quanto sta accadendo, una situazione grottesca, non so se sia un film thriller o comico", le parole del direttore sportivo, Ettore Meli: "Preso atto di quanto si è verificato, continuiamo ma mentalmente è una cosa che destabilizza l’intero ambiente. In questo calcio vedo dei controsensi pazzeschi, si passa da un match di Lega Pro, Castertana-Viterbese, nel quale i campani con 15 positivi sono scesi in campo in 9, a un campionato di Serie D nel quale per un positivo vengono posticipate ben 5 gare".

Alla fine la società biancoazzurra non può fare altro che accettare la decisione della Lnd: "La situazione non è semplice, sembra una storia infinita, un campionato che sta avendo una durata da guinness dei primati. Viste le nuove circostanze, siamo chiamati a un ulteriore esborso economico e spero vivamente che tutto possa concludersi entro il 30 giugno, perchè altrimenti ci sarebbe da rivedere anche la situazione tesseramenti. Infine mi auspico che si riprenda da dove il campionato si è interrotto - ha concluso il ds - e che non vengano invertite le giornate, anche se una situazione del genere mi sembra a dir poco utopistica. Siamo in balia degli eventi e ciò è molto frustrante".

Sezione: Serie D / Data: Mer 16 giugno 2021 alle 09:29
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print