"L'Eccellenza ripartirà, ho preso io la delega, insieme ai due vice presidenti, di avere un riscontro sui format per i quali aspettiamo la Lnd". E' quanto affermato all'Ansa dal presidente della Figc, Gabriele Gravina, dopo il primo Consiglio Federale dopo la sua rielezione.

Il massimo campionato dilettantistico, ottenuto lo status di "interesse nazionale", è pronto a riprendere l'attività nonostante i tanti dubbi su date, format e tamponi. Ma è sicuramente un passo in avanti dopo tanti mesi di incertezza. Ulteriori dettagli sulla ripresa e svolgimento del torneo sono attese dal Consiglio Direttivo Dilettanti in programma il 10 marzo, ma le indicazioni arrivate dalla Figc sono chiare: "Non ci saranno retrocessioni dall'Eccellenza verso il campionato di Promozione. Valore al merito sportivo, invece, per quanto riguarda le promozioni verso l'interregionale, quindi la Serie D. Valuteremo - ha aggiunto Gravina - anche in base al decreto ristori che tipo di intervento possiamo dare alle società di Eccellenza che decideranno di riprendere la loro attività".

Oltre all'Eccellenza maschile ripartiranno anche quella femminile di calcio a 11 e i campionati maschili e femminili di Serie C-C1 di calcio a 5. E circolano già le prime date: si potrebbe tornare in campo il 28 marzo o il 3 aprile (sabato pre pasquale), mentre difficile fare ipotesi sul format anche se la disputa del solo girone di andata sembra inevitabile.

Solo poche settimane fa l'idea era di giocare l'andata e play-off e play-out allargati a 8 squadre. Il blocco delle retrocessioni in Promozione cambia però la formula perchè eventuali spareggi in coda non avrebbero più senso. Per il vertice, invece, bisognerà valutare cosa si intende per "valore al merito sportivo" e, quindi, se si procederà con una promozione diretta in Serie D o con gli spareggi promozione.

Il Consiglio Federale ha condiviso all’unanimità la volontà di ripresa della Lega Nazionale Dilettanti e dei suoi club - ha commentato con soddisfazione il numero uno della LND Cosimo Sibilia - ora spetta al nostro direttivo fare la necessaria sintesi delle proposte di tutte le regioni. Come LND abbiamo tutto l’interesse nel riprendere a giocare, perché è la nostra mission e perché lo dobbiamo alla passione sconfinata di migliaia di tesserati. Ripartire con i campionati regionali di vertice sarà un segnale di speranza per tutto il movimento del calcio di base”.

Sezione: Eccellenza / Data: Ven 05 marzo 2021 alle 15:43
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print