Rammarico e solo un punto per l’Fc Messina, che non riesce a superare il Troina in un match caratterizzato dagli episodi, tra rigori dati e non dati e due espulsioni: “Il rigore su Ricossa mi sembra evidente, ma non incide perché c’era tanto da giocare anche se magari saremmo andati sul 2-0. Non vorrei parlare delle decisioni arbitrali, dovevamo essere più attenti sulle palle inattiva e invece siamo stati molli”, ha dichiarato mister Massimo Costantino commentando il 2-2 contro gli ennesi: “Abbiamo tentato di vincere in tutti i modi. Nella seconda parte abbiamo avuto la possibilità di segnare, al di là del palo di Arena, e abbiamo anche cambiato il volto della squadra con il 4-2-4. Poi è arrivata l’espulsione (Carbonaro) che ha fatto saltare tutti i paini, ci siamo dovuti adeguare ma con quasi quattro attaccanti e un uomo in meno diventa complicato. Di buono prendo la voglia di riacciuffare la partita, di non perdere e anche in 9 abbiamo tentato di vincere ma sicuramente sarebbe stata un’impresa. Ci prendiamo questo punto, ma dobbiamo sempre cercare di vincere, anche se oggi è andata così”.

Di buono il punto secondo il tecnico, che sicuramente non può essere soddisfatto dai gol subiti: “Sul primo è stato bravo l’avversario, perché è saltato su Caballero, uno dei nostri giocatori più forti di testa, mentre sul secondo è stata una nostra disattenzione e anche su questo bisogna lavorare senza colpevolizzare nessuno. Bisogna crescere”.

Un risultato che allontana l’Fc Messina dalla vetta, ora a -6 ma con due gare in meno, e scavalcato anche dalla Gelbison: “La classifica bisogna guardala quando avremo lo stesso numero di partite. Al momento – ha concluso Costantino - bisognava vincere questa gara e poi le altre”.

Sezione: Fc Messina / Data: Dom 28 febbraio 2021 alle 17:07
Autore: MNP Redazione / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print