Lo abbiamo inserito nella nostra sezione "Erano a Messina", anche se, in realtà, non ha mai giocato un minuto in gara ufficiale con la maglia di una delle società calcistiche della nostra città. Ma la sua presenza, seppur breve, è stata molto intensa, ha fatto molto parlare di sè durante i mesi trascorsi in riva allo Stretto e la sua foto con la maglia numero 9 giallorossa del Football Club Messina, al fianco del suo grande amico Cesar Grabinski, resta nella memoria di tutti noi. Un crack, come si dice in Sudamerica, almeno per il campionato italiano di serie D, rimasto, però, uno dei sogni irrealizzati del vulcanico presidente Fc Rocco Arena, un cultore del calcio sudamericano e fautore della multietnicità, non solo nel calcio.

Parliamo, ovviamente, di Hernan Barcos, El Pirata, che, ieri, è entrato in campo al 68' di Alianza Lima-Cusco, il tempo di prendere confidenza con il nuovo campionato, ed  ha subito messo la sua firma tra i marcatori dell'ennesimo torneo in cui ha partecipato nella sua lunghissima carriera.

Non è un palcoscenico prestigioso come la prima divisione argentina, paraguaiana, brasiliana, portoghese, cinese, ecuadoriana, serbia, colombiana, bengalese ( o bangladese), oppure un match della selleciòn argentina , ma, comunque, il vecchio vizio di timbrare il cartellino non è stato perso dall'attaccante classe 1984 nato a Bell Ville, nella provincia di Cordoba.

La gara, iniziata alle 22.30 italiane di ieri, le 15.30 a Lima, era la prima anche per l'Alianza Lima, impegnata nell'Apertura del Girone B nella Liga 1, la massima serie peruviana, divisa in due gironi da dieci squadre le cui vincitrici si giocano il titolo nazionale, come è tradizione in Sudamerica, dividendo la stagione in due fasi, Apertura e Clausura.

Barcos non è partito nell'undici titolare messo in campo dall'allenatore argentino Carlos Bustos, 55enne a cui, in questa stagione, è stato affidato il compito di ridare lustro ad un club 23 volte campione del Perù, con la fama di avere lo stesso destino glorioso e sfortunato del Torino, poichè l'8 dicembre 1987 i giocatori di questa squadra rimasero vittime di un disastro aereo proprio come i granata nel 1949.

Il match tra Alianza e Cusco non è stato senza emozioni, visto che il 2-2 finale è maturato con il bel gol di testa degli ospiti, siglato da Mauricio Montes, pareggiato su rigore piuttosto generoso realizzato da Manzaneda, poi ancora il signor Renzo Castañeda si rende protagonista di una decisione errata vedendo rimbalzare interamente oltre la linea il pallone calciato di piatto destro da Sandro Rengifo del Cusco, che aveva incocciato la traversa, ritornando in campo.

Le immagini testimoniano che la rete non fosse da assegnare e l'arbitro completa l'opera assegnando il penalty, al minuto 87, per un intervento del portiere sull'attaccante dell'Alianza. Dal dischetto si presenta proprio El Pirata, subentrato ad uno sciagurato Sebastian Gonzalez Zela protagonista di due clamorosi gol divorati, che appoggia senza forzare, spiazzando il portiere avversario.

Gol celebrato sui social della squadra peruviana e dallo stesso Barcos, molto presente su questi mezzi di comunicazione. 

Debut con gol de ‘El Pirata’ ‍️9️⃣ : Liga de Fútbol profesional - Perú

Pubblicato da Club Alianza Lima su Martedì 30 marzo 2021

La stagione dell'Alianza, quindi, inizia con un pareggio che muove la classifica, dopo che l'anno scorso si era concluso in modo pessimo con 7 sconfitte, un pari ed una sola vittoria nelle nove giornate di campionato.

Ma sicuramente, l'apporto di Hernan Barcos darà spinta al progetto di rinascita blanquiazul , così come avrebbe fatto se fossero maturate le condizioni che lo portarono ad accettare, ad ottobre 2020, le proposte del Football Club Messina.

La nuova esperienza nasce sotto i migliori auspici e, quindi, anche da Messina, sicuramente, ci sarà qualcuno che vorrà augurare Buena Suerte Hèrnan !

Sezione: Erano a Messina / Data: Mer 31 marzo 2021 alle 14:30
Autore: Davide Mangiapane / Twitter: @davidemangiapa
Vedi letture
Print