C’è un pezzo di Messina nella promozione del Perugia in serie B: il vice allenatore dei grifoni, infatti, è Salvatore Accursi, autentico simbolo della rinascita peloritana dopo il fallimento decretato dai Massimino. Il difensore calabrese, scelto da mister Caserta per l’avventura sulla panchina umbra, ha disputato 120 presenze, tra campionato e coppa, con la maglia biancoscudata, racimolando 19 presenze nel trionfale campionato di serie B 2003/04. Una menzione speciale, nella vetrina dei “messinesi”, va quindi al calciatore finito in uno dei cori più amati dalla tifoseria biancoscudata nel periodo del presidente Aliotta (…Sammy Accursi marca stretto… Siamo noi i padroni dello Stretto).

Solita presenza part-time per Fernando Forestieri (Udinese), inserito al 72’ di Udinese-Juventus 1-2. Si fa notare qualche minuto dopo l’ingresso in campo, quando guadagna un pericoloso angolo sfruttando una disattenzione di De Light. A un minuto dal termine, però, si lascia superare da Rabiot, abile ad innescare Cristiano Ronaldo per il definitivo gol vittoria dei piemontesi.

Ennesima grande prestazione, in serie B, per Federico Dionisi (Ascoli), assolutamente rinato dopo il cambio di casacca. Dopo aver svestito la maglia gialloblù del Frosinone, infatti, l’attaccante cresciuto a Messina sta letteralmente trascinando i marchigiani verso una meritata salvezza. Nella sfida di sabato, vinta per 2-0 contro la capolista Empoli, il centravanti laziale sfodera una prestazione magistrale, mettendo alle corde, quasi da solo, la retroguardia dei toscani. Al 21’ coglie un palo e, a 6’ dal riposo, trafigge Brignoli cogliendo il meritato vantaggio ascolano. Nel secondo tempo, invece, si occupa di assistere i compagni, tenendo la squadra alta ed attenta. Esce, al 72’, totalmente esausto.

Ben tre “messinesi”, invece, impegnati sullo stesso “campo di battaglia”: Magraviti e Ragusa (Brescia) abbattono Sergio Floccari (Spal), in Brescia-Spal 3-1. Buona la prova dell’ala di Giardini Naxos, sempre nel vivo del gioco. Al 63’, prima di lasciare il campo, serve ad Aye il gol del momentaneo 2-0. Una sicurezza, invece, il giovane difensore Mangraviti, sempre pronto a rintuzzare gli attacchi degli avversari con scivolate e chiusure energiche. Solo 30’ di gioco per l’evergreen Floccari che, stavolta, non riesce nel miracolo di risollevare i ferraresi.

Giorno di gloria per Marco Rosafio (Cittadella), autore del secondo gol veneto in Lecce-Cittadella 1-3. Due minuti dopo l’inizio della ripresa, l’ex giallorosso s’inventa una perla improvvisa, accentrandosi dalla destra e trafiggendo il portiere sul palo opposto. Al 72’ lascia il campo a Baldini, assistendo al trionfo granata dalla panchina. Solamente 10’, infine, per Marco Crimi (Reggina), impegnato in Cremonese-Reggina 1-1. Poco tempo per mettersi in mostra ma, purtroppo per lui, riesce a rimediare un giallo all’86’.

Sezione: Erano a Messina / Data: Lun 03 maggio 2021 alle 20:19
Autore: Marco Boncoddo / Twitter: @menelpallone
Vedi letture
Print